Fitoactive Emileve®

Mal di testa? La risposta naturale ed efficace!

Non contiene glutine, lattosio e derivati del latte, coloranti, OGM, edulcoranti.


Fitoactive EMILEVE®

Fitoactive-Emileve_linea

Componenti e principali attività

Titolato 15% in salicina.

Funzionalità articolare. Regolarità del processo di sudorazione. Contrasta gli stati di tensione localizzati.

La corteccia di questa pianta (Salix alba) contiene tannini condensati, flavonoidi, glicosidi fenolici che, una volta ingeriti, vengono metabolizzati dalla flora batterica intestinale e trasformati in acido salicilico, dalle proprietà antinfiammatorie. È bene ricordare che seppur meno efficace nel breve termine del corrispettivo farmaco sintetico, la corteccia di Salice, possedendo anche altri componenti attivi (oltre che l’acido salicilico), consente un metabolismo più lento ma più duraturo del principio attivo con un conseguente prolungamento temporale dell’effetto.

Il suo utilizzo è totalmente privo di controindicazioni (non si registrano i consueti effetti collaterali a carico della mucosa gastro-intestinale), se non quella riguardante eventuali ipersensibilità soggettive all’acido acetilsalicilico; è sconsigliato l’utilizzo in soggetti in trattamento con anticoagulanti.

Titolato 15% in salicina.

Funzionalità articolare. Regolarità del processo di sudorazione. Contrasta gli stati di tensione localizzati.

La corteccia di questa pianta (Salix alba) contiene tannini condensati, flavonoidi, glicosidi fenolici che, una volta ingeriti, vengono metabolizzati dalla flora batterica intestinale e trasformati in acido salicilico, dalle proprietà antinfiammatorie. È bene ricordare che seppur meno efficace nel breve termine del corrispettivo farmaco sintetico, la corteccia di Salice, possedendo anche altri componenti attivi (oltre che l’acido salicilico), consente un metabolismo più lento ma più duraturo del principio attivo con un conseguente prolungamento temporale dell’effetto.

Il suo utilizzo è totalmente privo di controindicazioni (non si registrano i consueti effetti collaterali a carico della mucosa gastro-intestinale), se non quella riguardante eventuali ipersensibilità soggettive all’acido acetilsalicilico; è sconsigliato l’utilizzo in soggetti in trattamento con anticoagulanti.

Funzionalità articolare.

Contrasta gli disturbi del ciclo mestruale. Contrasta gli stati di tensione localizzati.

Grazie al partenolide, capace di inibire la biosintesi di alcune sostanze pro infiammatorie (leucotrieni, trombossani), risulta essere una pianta utilizzata soprattutto a scopo preventivo tanto che, grazie ad assunzioni prolungate, si registrano una marcata diradazione sia della frequenza che dell’intensità degli episodi di emicrania. È particolarmente efficace nelle emicranie cosiddette vasomotorie cioè dovute a dilatazione e successiva diminuzione del calibro dei vasi sanguigni che in tal modo vanno a comprimere la muscolatura periferica provocando il fenomeno nevralgico. Se ne sconsiglia l’utilizzo nei soggetti in terapia con anticoagulanti e nelle donne in gravidanza o in allattamento.

Funzionalità articolare.

Contrasta gli disturbi del ciclo mestruale. Contrasta gli stati di tensione localizzati.

Grazie al partenolide, capace di inibire la biosintesi di alcune sostanze pro infiammatorie (leucotrieni, trombossani), risulta essere una pianta utilizzata soprattutto a scopo preventivo tanto che, grazie ad assunzioni prolungate, si registrano una marcata diradazione sia della frequenza che dell’intensità degli episodi di emicrania. È particolarmente efficace nelle emicranie cosiddette vasomotorie cioè dovute a dilatazione e successiva diminuzione del calibro dei vasi sanguigni che in tal modo vanno a comprimere la muscolatura periferica provocando il fenomeno nevralgico. Se ne sconsiglia l’utilizzo nei soggetti in terapia con anticoagulanti e nelle donne in gravidanza o in allattamento.

Titolato al 10% in caffeina.

Tonico-stimolante, usato contro la debolezza generale e l’astenia. Esso, inoltre, stimola le funzioni cerebrali e l’attività intellettuale, e contrasta efficacemente gli stati di affaticamento.

Per il suo contenuto in caffeina, il Guaranà può essere utile nelle emicranie.

La presenza di tannini provoca un lento rilascio di caffeina diluito nel tempo, con un’azione più blanda del caffè, ma prolungata per parecchie ore che favorisce e migliora il lavoro intellettuale e diminuisce la stanchezza.

Titolato al 10% in caffeina.

Tonico-stimolante, usato contro la debolezza generale e l’astenia. Esso, inoltre, stimola le funzioni cerebrali e l’attività intellettuale, e contrasta efficacemente gli stati di affaticamento.

Per il suo contenuto in caffeina, il Guaranà può essere utile nelle emicranie.

La presenza di tannini provoca un lento rilascio di caffeina diluito nel tempo, con un’azione più blanda del caffè, ma prolungata per parecchie ore che favorisce e migliora il lavoro intellettuale e diminuisce la stanchezza.

Titolata al 0,35% in protopina.

Rilassamento in caso di stress.

Pianta già nota agli indiani d’America, fu introdotta in Europa dalla California (dove è talmente diffusa da essere fiore ufficiale con tanto di festa nazionale il 6 aprile) agli inizi dell’800.

È spesso consigliata per l’emicrania di tipo psicogena, nei casi di tensione nervosa e ansietà; ha effetto analgesico e calmante, tanto da essere frequentemente usato anche nei casi di insonnia.

Deve le sue proprietà al contenuto in alcaloidi che ne garantiscono l’effetto antispasmodico e rilassante.

Titolata al 0,35% in protopina.

Rilassamento in caso di stress.

Pianta già nota agli indiani d’America, fu introdotta in Europa dalla California (dove è talmente diffusa da essere fiore ufficiale con tanto di festa nazionale il 6 aprile) agli inizi dell’800.

È spesso consigliata per l’emicrania di tipo psicogena, nei casi di tensione nervosa e ansietà; ha effetto analgesico e calmante, tanto da essere frequentemente usato anche nei casi di insonnia.

Deve le sue proprietà al contenuto in alcaloidi che ne garantiscono l’effetto antispasmodico e rilassante.

Contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, al normale funzionamento del sistema nervoso. Un apporto di Magnesio è spesso risolutivo nei casi – e non sono pochi – in cui il mal di testa sia dovuto a carenze di questo minerale.

Il Magnesio è implicato in processi enzimatici essenziali e concorre in modo fondamentale tanto al benessere del sistema nervoso quanto al corretto funzionamento di tutti i muscoli.

Livelli insufficienti nell’organismo sono in grado di determinare o aggravare le crisi di mal di testa, come ha dimostrato uno studio recentissimo, conclusosi con la raccomandazione di non sottovalutare integrazioni di Magnesio per prevenire e trattare cefalea ed emicrania.

Contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, al normale funzionamento del sistema nervoso. Un apporto di Magnesio è spesso risolutivo nei casi – e non sono pochi – in cui il mal di testa sia dovuto a carenze di questo minerale.

Il Magnesio è implicato in processi enzimatici essenziali e concorre in modo fondamentale tanto al benessere del sistema nervoso quanto al corretto funzionamento di tutti i muscoli.

Livelli insufficienti nell’organismo sono in grado di determinare o aggravare le crisi di mal di testa, come ha dimostrato uno studio recentissimo, conclusosi con la raccomandazione di non sottovalutare integrazioni di Magnesio per prevenire e trattare cefalea ed emicrania.

Contribuiscono al normale funzionamento del sistema nervoso e alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento.

L’introduzione di Vitamine del gruppo B, in aggiunta a quelle assunte con l’alimentazione, è importante nell’alleviare il mal di testa, grazie agli effetti armonizzatori che questi nutrienti esercitano sulla sfera neurovegetativa e sulla dilatazione dei vasi sanguigni.

Le Vitamine del gruppo B sono necessarie al sistema nervoso e rinforzano gli effetti del Magnesio.

Contribuiscono al normale funzionamento del sistema nervoso e alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento.

L’introduzione di Vitamine del gruppo B, in aggiunta a quelle assunte con l’alimentazione, è importante nell’alleviare il mal di testa, grazie agli effetti armonizzatori che questi nutrienti esercitano sulla sfera neurovegetativa e sulla dilatazione dei vasi sanguigni.

Le Vitamine del gruppo B sono necessarie al sistema nervoso e rinforzano gli effetti del Magnesio.